Annunci
Skip to content

IL RUOLO DELLE DONNE SECONDO GLI UOMINI

Il ruolo delle donne secondo gli uomini

Nella società contemporanea, dove l’immagine impera sovrana, il ruolo delle donne è relegato a comparsa, oggetti d’abbellimento per il mondo ideale degli uomini.

di Pasquale Di Matteo

La società occidentale, quella del progresso, delle grandi multinazionali, delle banche e della religione del bene, cioè il Cristianesimo, è un mondo progettato e gestito da uomini per cui le donne hanno ruoli marginali.

Sono pochissime le donne a capo di grandi aziende o di importanti istituti bancari e si contano sulle dita delle mani quelle che hanno rivestito la carica di presidente nei rispettivi Paesi.

Senza contare il fatto che, nelle grandi religioni, il ruolo della donna è secondario, tanto che, in quella cristiana, per esempio, alle donne non è consentito officiare messa, né rivestire ruoli di responsabilità, come quelli di vescovo, cardinale o di Papa.

Una condizione di sottomissione che, nell’era in cui avere un’immagine e apparire sono tutto, trasforma la donna in soprammobile, in argenteria da mostrare nelle trasmissioni televisive e in calamite sui cartelloni pubblicitari, quando alxcuni uomini rischiano paralisi alle mandibole, incastrati tra le curve sinuose di ragazze seminude che pubblicizzano di tutto, dall’auto dei sogni, al nuovo cellulare; raramente cose per cui la nudità abbia un senso.

THEOPA e le donne

Il ruolo delle donne secondo gli uomini Acrilico su tela 90×65

Nel dipinto, l’immagine della donna risucchiata dall’uomo con la cannuccia è la rappresentazione di ciò che pensa la gran parte degli uomini quando vede una donna, un oggetto del desiderio, del possesso, una preda da conquistare per dimostrare la virilità.

La società consumista spinge tutti ad avere cose, a circondarsi di oggetti per lo più inutili, o comunque non indispensabili, condizioni che producono un’assuefazione del concetto di possesso, fino a considerare la preda femminile il desiderio più ambito.

E risulta altrettanto naturale il fatto che l’uomo sia il cacciatore e la donna la preda, mentre ancora ci si stupisce quando si verifica il contrario; quando un uomo seduce tante donne è considerato migliore di tanti altri, mentre se una donna conquista più uomini viene additata come una sgualdrina.

In fondo, la nostra società è perniciosamente impregnata di maschilismo fin nelle piccole cose e ci si ricorda del ruolo delle donne giusto in qualche sporadica occasione, mentre per gran parte dell’anno, quasi tutte le famiglie hanno il posto riservato a capotavola per l’uomo di casa, il capofamiglia.

Una condizione per la quale risulta normale che le donne abbiano stipendi minori a parità di mansione rispetto ai colleghi maschi e che raramente raggiungano i posti di potere.

Perché la società del progresso è il mondo dei sogni progettato da uomini, in cui i ruoli riservati alle donne sono gli stessi di sempre: madre, moglie, figlia e preda.

Con la speranza di essere almeno bella, per generare lo stupore di qualche allupato.

D’altronde, il ruolo delle donne secondo gli uomini resta quello delle veline svestite che agitano cosce e seni al vento, spesso senza neppure avere senso della danza.

Tanto, cosa importa?! Una donna è donna.

E poco importa se gran parte dei disastri del mondo e delle guerre sono scatenati dall’ingordigia e dall’idiozia di molti uomini, spesso osannati e considerati statisti, malgrado le porcherie commesse.

Il mondo, in fondo, anche quello fighetto del progresso, tiene conto delle donne solo la domenica in TV, quando con una bella scosciata la giornalista sportiva di turno fa impennare l’odience, o quando le protagoniste delle pubblicità si mostrano in tutto il proprio splendore per pubblicizzare cose che con il corpo nudo non hanno nulla a che fare.

Ma, per la maggioranza degli uomini, la donna è bella da avere, buona da gustare e un bel culo è solo tanta grazia da toccare, mica qualcosa degno di accomodarsi al posto del capofamiglia…

Per informazioni e per collaborazioni: theopa@libero.it , oppure, pas.dimatteo@libero.it

Segui i lavori di THEOPA mettendo un “mi piace” alla sua pagina. (Clicca qui)

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: