IL CAMPO VISIVO DI MARCO LANCIANI

Il campo visivo di Marco Lanciani

Giovedì 26 settembre, si è inaugurata la mostra fotografica di Marco Lanciani, con l’impeccabile organizzazione di Anna Maria Brazzò e il commento d’apertura del Critico d’Arte, Pasquale Di Matteo.

di Pasquale Di Matteo

Un altro grande evento a cura di Anna Maria Brazzò ha avuto luogo giovedì 26 settembre, in una Roma dal clima decisamente ancora estivo, sormontata da un cielo luminoso e terso da far rimpiangere le giornate trascorse in spiaggia di recente.

Tuttavia, a deliziare gli ospiti è bastata la straordinaria raccolta di opere fotografiche di Marco Lanciani, nella mostra allestita presso la suggestiva Sallustiana Art Today Gallery, di fronte all’ambasciata statunitense.

Un’ottima partecipazione di pubblico ha assistito al vernissage, introdotto dalle parole del Critico d’Arte, Pasquale Di Matteo, il quale ha focalizzato l’attenzione dei presenti sui lavori di Lanciani, fotografo che usa la macchina fotografica come il pittore muove i pennelli.

Lanciani non è soltanto un eccellente fotografo, capace di catturare dettagli, immagini, momenti, ricordi.., ma riesce a fare tutto questo dando particolare risalto alla naturalezza dei gesti, delle espressioni.

Altra peculiarità del giovane fotografo è quella di essere capace di ammaestrare la luce, usando i colori naturali del creato come la tavolozza del pittore.

Infatti, proprio dallo studio del cielo, dell’infinito, si ritrovano molti dei lavori di Lanciani, per il quale l’Astronomia risulta essere una passione viscerale.

Grazie all’infinita gamma di soluzioni offerte dall’avvento del digitale, Marco Lanciani dà nuova forma ai colori del pianeta, riuscendo nell’impresa di catturare istantanee con l’immaginazione del bambino curioso.

Dunque, Marco Lanciani non è un semplice fotografo dell’immagine e del ricordo, ma artista della luce, capace di trasformare i sogni in scenari onirici.

Lanciani riesce a estrapolare dalla roccia e dal terreno colori e mondi viscerali, giocando con la macchina fotografica, le macrocromie e le tecniche digitali.

Al termine della presentazione di Di Matteo, gli ospiti sono stati allietati da una passionale performance di tango del maestro Sergio Tirletti, già noto curatore d’immagine, e della sua dama, Diamante, prima che l’evento scivolasse verso l’immancabile, quanto gradito, ricco buffet.

Nel frattempo, Marco Lanciani si è intrattenuto con quanti gli chiedevano delucidazioni in merito alle opere.

Molti nomi noti della movida romana hanno riempito gli spazi della Sallusitana Art Gallery fino a tarda sera, prima di salutare la padrona di casa, Francesca Triticucci e l’organizzatrice, Anna Maria Brazzò.

Da Sergio Tirletti, appunto, all’attrice Serena Petrella; dal Filosofo Luciano Bernazza e consorte all’attore Mario Longobardi; dall’imprenditrice, Anna Nori, ad Anna Maria Stefanini; Mauro Massimiliano Calandra, della produzione RAI; Patrizia Anna Maria Casta; Roselyne Mirialachi; Erika Incògnito; Mary Parioli; Giovanni Roberti e molti altri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...