Skip to content

Bufera sulle parole della Shani, Pd.

Bufera sulle parole della Shani, Pd.

di Pasquale Di Matteo

Beunida Melissa Shani, candidata nelle file del PD alle ultime Comunali padovane, dopo la strage di Barcellona, commenta su Facebook: “Dire: sì ma è l’Isis mica l’Islam, significa non avere gli occhi aperti. Poi, mi ripeto non tutti gli islamici sono così, ma la maggioranza lo è. Eccome se lo è“.

Parole queste, che urtano con la linea di quanto espresso in questi giorni da parte del premier Paolo Gentiloni ed esponente dello stesso Partito della Shani, il quale ha rilanciato in modo deciso lo Ius Soli.

Parole, quelle di Beudina Melissa Shani, che hanno scatenato una bufera sui Social.

Beudina Melissa Shani, nata a Tirana e residente in Italia da quando aveva tre anni, alle amministrative di giugno aveva raccolto 86 preferenze.

Forse, mai si sarebbe aspettata che in Italia, ancora oggi, la libertà di pensiero, per taluni, sia vista tale solo a patto che non si affermino cose scomode ai “potenti” di turno. Ora, sui social è polemica per la sua posizione sull’islam e ancor di più tra le fila del Pd, che spalanca le porte all’accoglienza, una polemica che si è scatenata in una vera e propria bufera.

Ecco perché la Shani è voluta tornare sulle sue parole e sulla bufera scatenata, scrivendo su Facebook: “Non volevo dire che la maggioranza è fondamentalista nel senso di terrorista. Mica sono stupida. Ho detto che la maggioranza segue la sharia cioè la legge Santa ( per il 77% secondo uno studio dell’Università di Cardiffe). Quindi questa maggioranza è difficile da integrare con gli strumenti che abbiamo ora e dunque, servono tutele più concrete, non razziste. La minoranza moderata va integrata, i fondamentalisti perseguiti e chi è sottomesso alla sharia va liberato da questa legge Santa che non rispetta i diritti umani, prima di parlare di integrazione devono essere messi nelle condizioni culturali e sociali per integrarsi e capire l’Occidente . Questa sarebbe una grande conquista di civiltà, non di certo solo dire che non bisogna avere paura e parlare di egualitarismo. Bisogna riconoscere che non solo il fondamentalismo è un problema, ma che lo è anche la maggioranza delle persone che subisce ogni giorno la sharia e non è messa nelle condizioni di capire la nostra cultura, né il nostro modo di pensare. Non credo di aver detto nulla di allarmante, mi spiace che il buonsenso sia visto con stupore“, ed è inconcepibile che abbia scatenato una bufera, mi permetto di aggiungere io.

Ma è proprio questo il punto: il buonsenso.

Quel buonsenso che viene perso ogniqualvolta qualcuno si azzardi a parlare di Italianità, in ogni sua forma, in difesa di un Italiano o a criticare anche solo velatamente lo straniero, fino al diniego assoluto di pubblicare notizie di crimini commessi da non Italiani, una “moda del migrante” cavalcata da politici interessati e milionari senza scrupoli che sul sangue della povera gente si arricchisce ogni giorno.

Un razzismo dilagante, quello della mancanza di buonsenso, che non fa altro che esacerbare i torni, anche di chi semplicemente è critico verso certe linee di condotta nei confronti delle politiche dei migranti.

Tale “razzismo al contrario”, in fondo è dovuto alla mancanza di argomentazioni, alla paura di dover ragionare su una religione che ha dei dettami che sono inequivocabili.

In fondo, quanto affermato dalla Shani è inopinabile, è Storia, oltretutto, esternato con moderazione e ragionamento, non si trattava certo di dichiarazioni di stampo “Fascista” o razzista, ma di parole sulle quali, semmai, riflettere.

Ma, per riflettere, è anche vero che gli interlocutori dovrebbero avere argomentazioni e, soprattutto, onestà intellettuale, cose che non mi sembrano diffuse in questo periodo, perciò, meglio scatenare bufere sui Social.

Inoltre, si sa, la Storia è sempre stata scritta dai vincitori e oggi il buonismo e le idee ottriate dai vertici sembrano prevalere sul buonsenso, con buona pace dell’aggettivo “democratico” del partito di appartenenza della Shani, alla quale va tutta la mia solidarietà.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui Social.

Iscriviti a Eventi Armonici, è Gratis!

Segui la nostra Pagina Facebook Eventi Armonici, mettendo “mi piace”.

2 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: