Skip to content

Sirmione, la perla del Lago di Garda.

Sirmione, la perla del Lago di Garda

di Pasquale Di Matteo

Quando si parla della Lombardia, la si accosta sempre alle industrie, alle banche, alla movida milanese.

Eppure, la Lombardia è una delle regioni più belle d’Italia, che offre paesaggi e panorami unici: la campagna, con i suoi agglomerati rurali; i monti, dove è possibile sciare d’inverno e godersi il verde e l’aria fresca in estate, oltre alle diverse attività sportive e ricreative che la montagna sa regalare; infine, i laghi, il più importante dei quali è il Lago di Garda.

Fin da bambino, sono stato un assiduo frequentatore di queste zone, con i miei genitori prima, con la mia famiglia oggi.

Sebbene, per gusto personale, ritenga la sponda veneta quella più bella, esistono molte località che vale la pena visitare dislocate lungo tutta la costa e a spiccare è l’istmo che divide il lago a sud, una vera perla: Sirmione.

Per chi, come me, abita a metà strada tra Milano e Cremona, per raggiungere Sirmione si può percorrere un tratto di A4, oppure optare per la BreBeMi.

Sinceramente, sono anni che evito il costo del pedaggio, preferendo raggiungere Montichiari, seguire per Lonato e poi scendere verso il Lago.

Rispettando i limiti, da Crema a Sirmione (90 km circa) occorre un’ora e mezza.

Quando si giunge a Sirmione, sia che si provenga dall’autostrada, sia che si arrivi da Lonato, ci si trova nella zona Colombare, dove alberi e siepi ben curate delineano la strada principale che conduce alla Rocca, distante circa 3 km.

 

Anni fa, mi incaponivo a sopportare le lunghe code a passo d’uomo fino al parcheggio a pagamento a ridosso del centro.

Da qualche tempo, invece, con quanto sborserei per il costo del biglietto, preferisco cenare in pizzeria e lascio l’auto alle Colombare, dove ci sono molti parcheggi liberi, difficili da trovare solo negli orari più gettonati da turisti e festaioli.

Inoltre, da un paio d’anni è attivo un servizio navetta che accompagna i visitatori direttamente davanti alla Rocca di Sirmione, al costo di 1 euro, acquistando il biglietto nelle tabaccherie aderenti o ai distributori automatici, oppure 1,50 se acquistato sul pullman, che parte davanti all’Ufficio Informazioni.

In questa zona, ci sono molti alberghi e tante attività commerciali, compresi ristoranti d’ogni genere e pizzerie.

Alle Colombare, quartiere della perla del Lago di Garda, Sirmione, si riesce a pernottare e, soprattutto, a ristorarsi a prezzi minori di quelli che si trovano avvicinandosi al centro, poiché distante di circa tre chilometri.

Il lago si mostra in tutto il proprio splendore a est, sul lungolago costeggiato dal Camping Sirmione, da dove è possibile scorgere la vicina Peschiera del Garda e le attrazioni del parco divertimenti di Gardaland, e a ovest, dove c’è un porticciolo ben attrezzato.

 

Ciò che colpisce di Sirmione, la perla del Lago di Garda, a parte il Lago su due lati, (tre al vertice), è la maniacalità con la quale è curato il verde: le aiuole sembrano prati pronti a ospitare tornei di golf, mentre gli alberi e le siepi seguono geometrie perfette e offrono numerose zone d’ombra su tutto il territorio.

Non è difficile capire per quale motivo Sirmione sia considerata la perla del Lago di Garda soprattutto all’estero; infatti, in qualunque momento dell’anno, il borgo è meta di turisti tedeschi, francesi e olandesi, in misura maggiore, e non mancano i Britannici e gli Statunitensi nei mesi estivi.

In verità, negli ultimi anni è aumentata in maniera vertiginosa anche la presenza di turisti di altre parti del globo, come Russi, Cinesi e Giapponesi.

 

Cosa vedere e cosa fare

 

 

Da non perdere una visita all’interno della Rocca (Castello Scaligero) e alle Grotte di Catullo, l’antica villa di epoca romana, dalla quale si nota un panorama mozzafiato, dove il Lago di Garda è talmente avvolgente all’orizzonte da sembrare il mare.

Sicuramente, vale la pena perdere qualche ora tra le viuzze ricche di fascino del centro, all’interno delle mura del Castello Scaligero e consiglio di percorrerle prima di mezzogiorno e dopo il tramonto, orari in cui non si è imbottigliati tra la folla e i colori del cielo ammantano di magia il lago.

 

Tra la zona denominata Colombare e la Rocca, esiste un parco molto grande, dove è possibile distendersi a prendere il sole o godersi l’ombra degli alberi che affacciano sulla sponda del lago di ponente.

Sulla sponda opposta, invece, parte una ciclabile che costeggia il lago e arriva fino all’entroterra, sulla strada che prosegue verso i paesi successivi.

Anche da questa parte vi sono numerosi spazi ombreggiati dove stendersi sull’erba e godere di un bel pranzo all’aperto, respirando aria genuina e il gusto dolce della libertà.

Inoltre, è possibile praticare svariati tipi di sport e noleggiare pedalò, gommoni e barche, per godersi il lago come meglio si ritiene, o trascorrere qualche giorno presso il centro delle Terme di Catullo.

Terme di Catullo

Foto di Pasquale Di Matteo

A pranzo e a cena?

All’interno delle mura del Castello c’è l’imbarazzo della scelta, ma io consiglio di fermarsi a pranzo e/o a cena sempre alle Colombare.

Il ristorante del Camping Sirmione affaccia sul lago e offre una buona pizza e piatti di cucina casareccia a buon prezzo.

Oltretutto, il campeggio è molto bello, pulito e ben attrezzato.

Il Ristorante L’Incontro situato a venti metri dall’Ufficio Informazioni della zona Colombare, è l’ideale per chi sia alla ricerca di una cucina più ricercata e non disdegni di spendere un po’.

La titolare è molto gentile e simpatica.

Se poi volete un posto dove sentirvi a casa, mangiare ottimi piatti della cucina mediterranea e delle pizze eccellenti a prezzi modici, l’ideale è il ristorante Cilento, che affaccia proprio sull’ufficio Informazioni.

Il Cilento e il ristorante del Camping sono anche delle ottime gelaterie.

Non mi dilungherò consigliando dove soggiornare, poiché non ho mai dormito in hotel a Sirmione, non abitando troppo lontano, e preferisco recensire solo siti e locali dove sono stato; (ho trascorso qualche giorno presso il Camping Sirmione e lo consiglio a chi ama il campeggio, poiché tranquillo, dotato di tutti i confort e pulito).

Vi segnalo comunque il sito del Comune di Sirmione, dove è possibile scoprire di più: www.sirmionebs.it/italian/index.php

In conclusione, Sirmione, la perla del Lago di Garda, è uno di quei luoghi che ti entrano dentro anche dopo una sola visita, la cui magia è viva tutto l’anno, in estate, come in inverno e il suo fascino risulta sempreverde.

Non aver visto Sirmione significa non aver visto la perla del Lago di Garda e uno dei siti più belli d’Italia, aperto al mondo 365 giorni all’anno e amato da persone di ogni nazionalità.

 

*Tutte le foto sono di Pasquale Di Matteo

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui Social, utilizzando i pulsanti qui sotto.

Iscriviti a Eventi Armonici, è Gratis!

Segui la nostra Pagina Facebook Eventi Armonici mettendo un “mi piace”.

3 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: